insiemeconsumatori.eu

A+ A A-

Il Garante per la privacy con il provvedimento n. 4131145 è intervenuto su una questione che sta molto a cuore ai consumatori dei pay tv, stabilendo che le c.d. bustine che appaiono sullo schermo del televisore con all'interno messaggi per sollecitare mancati pagamenti non devono violare la riservatezza dei clienti. Ciò in seguito della segnalazione di un abbonato Sky che lamentava la modalità di comunicazione utilizzata dalla società che a suo avviso consentiva ad estranei di conoscere la eventuale posizione debitoria a suo carico (peraltro contestata dall'interessato). Il sistema utilizzato da Sky, secondo gli elementi forniti dalla società, prevede l'invio di messaggi al decoder del cliente che sono "visualizzabili sullo schermo solo se il cliente decide di leggerli". Sul televisore "viene semplicemente visualizzato un banner con l'icona di una busta": è possibile leggere subito il messaggio oppure chiudere il banner per leggere il messaggio in un secondo momento. Dall'istruttoria avviata dal Garante è emerso tuttavia che tale trattamento di dati non risulta lecito. Il messaggio inviato al cliente, per le modalità utilizzate, si presta infatti ad essere conosciuto da un numero indeterminato di soggetti, dal momento che il tasto del telecomando che consente la lettura o meno del messaggio può essere azionato da chiunque si trovi davanti allo schermo, senza nessun filtro. Se intende continuare ad utilizzare il sistema dei messaggi sul televisore Sky dovrà dunque adottare le misure prescritte dal Garante. La società dovrà prevedere quindi l'utilizzo di un codice di accesso al contenuto del messaggio che verrà consegnato al cliente al momento della sottoscrizione del contratto e che servirà per leggere il messaggio. E dovrà privilegiare per l'invio di solleciti di pagamento altre modalità, quali ad esempio la comunicazione via mail o l'invio di un messaggio in busta chiusa all'indirizzo del cliente. L'inosservanza del provvedimento del Garante da parte della società comporta il pagamento di una somma che può andare da trentamila a centottantamila euro.

 

Il twit del Direttore

test primo twit

Primo test dei twit per il modulo.  Primo test dei twit per il modulo.  Primo test dei twit per il modulo.  Primo test dei twit per il modulo.  Primo test dei twit per il modulo.  Primo test dei twit per il modulo. Primo test dei...

Continua a leggere

Leggi anche

  • 1
  • 2
  • 3
Etichetta per gli pneumatici

Etichetta per gli pneumatici

Dal prossimo 1° novembre tutti gli pneumatici per aut...

Compagnie aeree: biglietti on-line

Compagnie aeree: biglietti on-line

Nuovi guai per le compagnie aeree che vendono i biglietti...

Truffe per email

Truffe per email

Il mercato di beni e servizi telematici è in costa...

L'Associazione Insieme Consumatori è stata inserita nel Comitato Regionale Unione Consumatori (C.R.U.C.) della Regione Lazio con decreto del Presidente della Regione n° T00252 del 13 luglio 2012. Designed & powered by www.SiteBens.it

Login or Register

LOG IN

Register

User Registration
or Annulla